Insieme per crescere e progredire

Il Progetto è pensato per favorire processi di inclusione e benessere sociale nello sviluppo e crescita personale dei giovani, attraverso la valorizzazione della dimensione creativa, della capacità di ricerca e innovazione. Tali stimoli incidono positivamente sulle potenzialità personali, sullo sviluppo di competenze, sull’autostima, sul senso di comunità, sulla cittadinanza attiva e possono supportare i giovani nella ricerca di lavoro, così come raccomandato dal Parlamento Europeo riguardo le competenze chiave per l’apprendimento permanente. La finalità principale è quella di promuovere attività, iniziative e incontri sul territorio per affrontare “un viaggio” alla scoperta dell’importanza dei diritti umani, del rispetto reciproco, degli stili di vita sani, per contrastare i più rilevanti disagi giovanili.

Gestire la propria emotività

1

Gestire la propria emotività: migliorare la consapevolezza delle proprie capacità e impegnarsi costantemente per superare le proprie debolezze, richiedendo e agevolando, l’aiuto dei compagni. Aiutarsi reciprocamente ad essere riflessivi, critici, propositivi. Imparare a ricercare in ogni circostanza, fra le diverse posizioni, il dialogo e il confronto e non il conflitto.

Imparare ad imparare

2

Imparare ad imparare: darsi una metodologia di lavoro personalizzata, rigorosa e intelligente. Valorizzare costantemente la dimensione metacognitiva: avere per metodo l’usare un metodo, conoscere come si conosce, imparare ad imparare, ragionare in un’ottica auto-valutativa, vivendo anche il momento di valutazione esterna come ulteriore opportunità di miglioramento e non come evento temuto.

Cittadinanza attiva

3

Educare ad una cittadinanza attiva: costruire un percorso di riflessione collettivo, incentivando un approccio critico alla realtà, ed in particolare alle problematiche che più direttamente coinvolgono i giovani. Consolidare contestualmente la cultura critica ed il rispetto delle regole condivise.

Linguaggi multimediali

4

Sperimentare nuove possibilità comunicative e relazionali nella globalità dei linguaggi, con particolare attenzione ai “linguaggi multimediali”, facilitare l’apprendimento e la padronanza di strumenti creativi, sviluppare le diverse capacità liberandosi dagli stereotipi, sviluppando le capacità attentive, attraverso il dominio delle risposte inadatte e aggressive, incanalandole costruttivamente.

Scambio di esperienze

5

Padroneggiare strumenti e modalità di espressione verbale e non verbale, attraverso l’espressione corporea e un semplice approccio ai linguaggi teatrali; promuovere ed organizzare iniziative proposte dai giovani e/o realizzate per i giovani favorendo lo scambio di esperienze e progetti, anche tramite attività residenziali per riflettere su argomenti specifici, per vivere esperienze di impegno e di partecipazione, per stimolare lo spirito di gruppo e di collaborazione.

Identificarsi, conoscersi

6

Saper lavorare sia in gruppo che individualmente, saper identificare sia i propri punti di forza ma anche i propri punti deboli, saper prevenire gli eventi, avere determinazione e motivazione nell’ottenere gli obiettivi prefissati (sia personali che altrui), per essere pronti ad affrontare in modo positivo il mondo del lavoro.

La pratica sportiva

7

Promuovere e potenziare la pratica sportiva nei giovani, attraverso il judo, incentrato non solo sulla pratica sportiva, ma anche soprattutto sulla divulgazione di importanti valori: rispetto, impegno, costanza, fair play. Dal giapponese “Ji Ta kio Ei”: “insieme per crescere e progredire”.

Nutrirsi correttamente

8

Promuovere nei giovani la conoscenza dei fondamenti della nutrizione: i fabbisogni calorici, il giusto apporto di nutrienti, l’importanza della varietà e della stagionalità dei prodotti locali, la moda delle diete, per renderli consapevoli delle proprie scelte alimentari.

Incontri formativi

9

Offrire uno spazio di condivisione e riflessione collettiva, anche individuale, sulle dinamiche sociali e personali che emergono durante lo svolgimento del progetto. Organizzare incontri formativi/informativi volti a prevenire situazioni di disagio giovanile: dipendenze, tra cui ludopatia e uso di sostanze stupefacenti, bullismo e cyberbullismo, violenza di genere ecc.

Con il contributo del Bando Aggregazione3 della Regione Marche, finanziato dal Ministero delle Politiche Giovanili, Dipartimento per le politiche giovanili e il servizio civile universale.